Venerdi, 22 febbraio 2019 ore 12:25
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Giornale di Sicilia, giornalisti cassintegrati a ore zero sostituiti da collaboratori pagati 3 euro ad articolo

I giornalisti non vogliono un'informazione da 3 soldiLa crisi che attraversa la stampa siciliana, se da un lato rischia di compromettere fortemente un’informazione libera e democratica al servizio dell’opinione pubblica, dall’altro sta creando sacche di disoccupazione tra i giornalisti incrementando, allo stesso tempo, uno sfruttamento professionale che non trova, in tutto il resto del paese, riscontri analoghi.
Se “La Sicilia” ha tagliato l’edizione trapanese dalle sue pagine, interrompendo un rapporto di lavoro con una fitta rete di collaboratori, il “Giornale di Sicilia” sta facendo di peggio mettendo in cassa integrazione, a ore zero, diversi colleghi contrattualizzati. Se da oggi le firme di Andrea Castellano, Gianfranco Criscenti e Luigi Todaro, cassaintegrati, spariranno dalle pagine del “Giornale di Sicilia”, il giornale che non intende rinunciare a fornire ai suoi lettori informazioni “attente e puntuali” è alla ricerca di nuovi collaboratori per lo sport, la cronaca giudiziaria e nera offrendo loro un compenso che non raggiunge i 4 euro ad articolo. La prima a ricevere una simile proposta da parte della responsabile della redazione trapanese de “Il Giornale di Sicilia” è stata la collega Ornella Fulco che ha rifiutato in segno di solidarietà con i colleghi messi in cassa integrazione e ritenendo, sotto il profilo remunerativo, indecente l’offerta lavorativa,
Ora, se consideriamo che dietro la stesura di un articolo ci sono ore di lavoro il compenso offerto non supera i 30/40 centesimi di euro l’’ora, un vero e proprio sfruttamento ancora più cruento rispetto a quello inflitto agli immigrati indiani di etnia sikh che nell’agro pontino vengono schiavizzati, nella raccolta di pomodoro, con un compenso di 3,50 euro l’ora. Se lo sfruttamento degli immigrati ha imposto al Governo di adottare strette misure nei confronti degli agrari sfruttatori, la legge dell’equo compenso per i giornalisti non contrattualizzati resta nel limbo poiché è così controversa e discussa da impedirne l’applicazione.
La segreteria provinciale dell’Associazione Siciliana della Stampa nell’esprimere la piena solidarietà ai colleghi Castellano, Todaro e Criscenti si impegna a seguire la loro vicenda sotto il profilo normativo e sindacale e rivolge un appello a tutti i giornalisti della provincia affinché l’operato della collega Fulco diventi una linea guida e non un episodio isolato. Il Segretario Provinciale
Giovanni Ingoglia

FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA STAMPA ITALIANA
ASSOCIAZIONE SICILIANA DELLA STAMPA
SEZIONE DI TRAPANI

 

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la politica sui Cookies