Martedi, 16 luglio 2019 ore 01:07
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uffici stampa. Comune di Caltanissetta condannato anche in appello. Riconosciuta l’attività di addetto stampa del giornalista Pier Paolo Olivo

Pier Paolo OlivoIl tribunale civile di Roma ha rigettato il ricorso in appello presentato dal Comune di Caltanissetta contro la sentenza di primo grado che lo condannava anche al pagamento di sanzioni e spese legali per avere versato all'Inps, anziché all'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi), i contributi previdenziali del giornalista Pier Paolo Olivo, al quale la giunta comunale non intende riconoscere le mansioni di addetto stampa dell'ente.
Olivo, nel frattempo, è stato spostato dapprima nell'ufficio comunicazione e poi assegnato all'ufficio protocollo della Polizia municipale. Il giornalista si è per questo rivolto al giudice del lavoro di Caltanissetta per ottenere il riconoscimento della sua originaria mansione di addetto stampa.
L'Inpgi ha mandato propri ispettori a Caltanissetta, i quali hanno accertato che Olivo, iscritto all'albo dei giornalisti, ha effettivamente svolto l'attività di addetto stampa. Della questione si è occupato il tribunale di Roma in quanto l'Inpgi ha sede nella Capitale.