Venerdi, 22 febbraio 2019 ore 12:31
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Approvato il nuovo statuto del fondo complementare dei giornalisti italiani

fondo complementare dei giornalisti italianiIl Fondo complementare dei giornalisti apre ai familiari a carico e ai collaboratori coordinati e continuativi. Sono due novità contenute nel nuovo Statuto approvato definitivamente dalla Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione italiani.
Vediamo in dettaglio le principali novità.

1) Apertura dell’iscrizione (con contributo a loro carico) ai giornalisti professionisti o pubblicisti titolari di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa che percepiscano per tale attività un compenso annuo non inferiore a 3000,00 (tremila) euro;
2) Apertura dell’iscrizione ai familiari fiscalmente a carico dei giornalisti aderenti; .
3) Apertura dell’iscrizione ai dipendenti degli enti di categoria previo accordo con gli organismi interessati; .
4) Inserimento nell’ordinamento del Fondo della RITA (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata);
5) Una nuova disciplina per i giornalisti dipendenti di enti pubblici iscritti al Fondo; .
6) Possibilità di rivedere la scelta con riguardo alla quota di TFR da destinare al Fondo;
7) Possibilità di versare al fondo contributi aggiuntivi anche in costanza di rapporto di lavoro;
8) Possibilità di ottenere riscatti parziali fino ad un massimo dell’80% (vecchio statuto 50%).
9) Possibilità per le aziende editoriali potranno versare quote di TFR dovute al fondo anche con scadenza mensile.

Con l’introduzione di queste nuove norme il Fondo raggiunge alcuni obiettivi fondamentali:
a) si struttura secondo le più recenti normative richieste da Covip;
b) ha la possibilità di allargare ulteriormente la platea degli iscritti fornendo a co.co.co, familiari e ai dipendenti degli enti una opportunità competitiva sul mercato per scegliere una forma di previdenza complementare;
c) diventa uno strumento ancora più flessibile. Vanno in questa direzione, per esempio, le nuove norme riguardanti il conferimento del TFR. Finora un aderente era obbligato a versare l’intero importo della quota annuale del TFR al fondo. Da ora sarà possibile anche destinare al fondo soltanto il 50%.

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la politica sui Cookies