Venerdi, 18 gennaio 2019 ore 03:40
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

 Notiziario


 

Palermo, procuratore Messineo incontra ODG, UNCI e Assostampa. "Da rivedere la circolare sull'accesso dei giornalisti negli uffici della procura".

Basterà presentare il tesserino dell'Ordine dei giornalisti ai carabinieri di guardia, per potere entrare in quella parte degli uffici della Procura di Palermo dichiarati off-limits, per motivi di sicurezza, agli "estranei all'ufficio". I militari faranno da filtro ma non potranno annotare il nome o i nomi dei pm dai quali i cronisti sono diretti. Sono i principali punti dell'intesa di massima raggiunta oggi nel corso di una riunione, al termine della quale Il procuratore della Repubblica di Palermo, Francesco Messineo, ha assunto l'impegno di integrare la circolare con cui e' stato limitato, anche per i giornalisti, l'accesso ad una parte degli uffici della Dda. Messineo stamattina ha incontrato il presidente dell'Ordine regionale dei Giornalisti, Riccardo Arena,  il segretario regionale dell'Assostampa siciliana, Alberto Cicero, il presidente del Gruppo siciliano dell'Unione nazionale cronisti italiani, Leone Zingales, ed il consigliere nazionale dell'Unci, Giuseppe Lo Bianco.

Assieme al procuratore erano presenti i procuratori aggiunti Vittorio Teresi e Bernardo Petralia. 
Dopo avere ascoltato le ragioni dei cronisti, che hanno sostenuto, argomentandolo, il grave rischio che la circolare potrebbe provocare al corretto esercizio del diritto-dovere di cronaca, il procuratore, d'intesa con i suoi aggiunti, si e' impegnato a disciplinare in modo meno restrittivo l'accesso dei giornalisti. "Si tratta di un'intesa ancora parziale e suscettibile di miglioramenti - hanno sottolineato Arena, Cicero, Zingales e Lo Bianco -. Abbiamo compreso e condiviso le esigenze di sicurezza che sono alla base del provvedimento di Messineo,  ma nessuna ragione può giustificare il divieto di accesso ai giornalisti nei luoghi dove si esercita l'azione penale e dove il controllo democratico dell'opinione pubblica, attraverso il lavoro dei cronisti, deve restare sempre vigile".

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la politica sui Cookies