Venerdi, 20 luglio 2018 ore 21:53
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

 Notiziario


 

Cambio al vertice del Tg3 Sicilia. Rino Cascio capo della redazione, Roberto Gueli a Rai Sport a Roma

Rino Cascio, Tg3 Sicilia

A seguito del trasferimento a Roma a Rai Sport Radio del collega e presidente dell'Ussi Sicilia, Roberto Gueli, capo redattore della Tgr Sicilia per circa due anni e mezzo, il collega Rino Cascio, già vice caporedattore ed inviato della Tgr Sicilia, è stato nominato caporedattore della Testata giornalistica regionale dal direttore generale della Rai Mario Orfeo . 

Rino Cascio, 55 anni il prossimo dicembre, vanta un passato nella breve ma felice stagione palermitana del circuito televisivo Cinquestelle con TeleScirocco. Rino si è fatto le ossa nella televisione privata siciliana e con il Manifesto. Si è sempre occupato di politica e sociale, poi alla Rai soprattutto di politica, cronaca giudiziaria, diventando nel frattempo anche inviato.

Ai colleghi e nostri associati Rino Cascio e Roberto Gueli affettuosi e sinceri auguri di Buon lavoro dall'Associazione Siciliana della Stampa.

Il Segretario Regionale
Roberto Ginex

Giornalista cacciato da aula consiliare San Cipirello, Assostampa: "Nessuno osi bloccare diritto di cronaca"

Assostampa Siciliana: “Nessuno osi bloccare diritto di cronaca e libertà di stampa, il sindacato al fianco del collega Leandro Salvia cacciato dall'aula consiliare di San Cipirello dal presidente del Consiglio comunale"

ASSOSTAMPA Fnsi“La libertà di espressione, la libertà di stampa e il diritto di cronaca non possono essere fermati in nessun luogo della Sicilia, nemmeno a San Cipirello dove nei giorni scorsi il collega Leandro Salvia, cronista attento e scrupoloso, è stato costretto a lasciare l’aula consiliare all’interno della quale si trovava  per raccontare i lavori della seduta per conto del giornale di Sicilia, dal presidente del consiglio comunale il quale, con atteggiamento deciso, prepotente ed arrogante, ha fatto persino ricorso ai vigili urbani richiedendo loro di intervenire immediatemente. Non consentiremo a nessuno di imbavagliare i cronisti, a maggior ragione quelli che operano in realtà difficili, spesso nel più assoluto isolamento e privi di ogni forma di tutela".
Il Consiglio regionale dell’Associazione siciliana della stampa ha ascoltato ieri il collega Leandro Salvia, al quale la Segreteria di Palermo ha consegnato la tessera di socio offrendo al collega, testimone quotidiano della cronaca cittadina in un territorio complesso, l’iscrizione al sindacato unitario dei giornalisti ed esprimendo sentimenti di vicinanza, solidarietà ed affetto.
Il segretario regionale Roberto Ginex ha chiesto già stamattina un incontro urgente al prefetto di Palermo Antonella De Miro per affrontare la questione e la giunta dell’Assostampa Siciliana sarà presente in uno dei prossimi consigli comunali di San Cipirello per stare al fianco del collega Leandro Salvia.

Esposto Assostampa alla Corte dei conti su incarico giornalista al Parco di Selinunte

Selinunte tempio C

“L’affidamento diretto per l’incarico professionale per l’attività di addetto stampa e comunicazione emanato, con determinazione n. 131 del 20 giugno scorso, dal direttore del Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa, è palesemente illegittimo e va ritirato”. Lo dichiara la segreteria provinciale di Trapani dell’Assostampa.
“Nella delibera si proroga per quattro mesi, per la somma di 10 mila euro iva compresa, un affidamento diretto a un giornalista iscritto all’Ordine dei giornalisti della Campania, somma non comprensiva di ‘spese di vitto, alloggio e viaggio, afferenti il presente incarico’, di un precedente affidamento trimestrale di 3.750 euro. Oltre la discutibile opportunità di individuare, senza selezione, proprio un pubblicista campano, quando in Sicilia vi sono diverse centinaia di giornalisti professionisti e qualche migliaio di pubblicisti, riteniamo che la previsione per i residenti fuori sede del rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio possa incorrere nell’ipotesi del reato di danno erariale e per questo presenteremo un esposto alla procura regionale della Corte dei conti. L’autonomia amministrativa degli enti parco non può tradursi per il suo direttore nella violazione della legge”.
“La vicenda – prosegue il sindacato - è alquanto paradossale. Con la determina del 30 ottobre 2017 il Parco bandiva ‘una selezione pubblica comparativa, ai sensi della legge 150/2000, per individuare un giornalista al quale affidare l’incarico per un anno (dicembre 2017 – novembre 2018) per un compenso complessivo 12 mila euro, iva compresa’. Per una serie di illogicità ed errori, segnalate sul sito ‘giornalistitalia.it’, tra le quali la possibilità anche per i praticanti di presentare l’istanza, la previsione dell’offerta al ribasso sul compenso, la presenza obbligatoria di 10 ore settimanali per due giorni la settimana e la possibilità di utilizzare ‘proprio personale dipendente’, il bando il 13 novembre successivo veniva ritirato in autotutela. Lo scorso 19 marzo senza più far riferimento alla legge 150/2000 che disciplina le attività di informazione e comunicazione nella pubblica amministrazione, appare la delibera in cui, ‘ai sensi del vigente Codice dei Contratti, si prende atto della disponibilità del giornalista di valenza nazionale e di notevole esperienza nelle funzioni di addetto stampa per Enti e/o Istituzioni di accettare specifico incarico per la durata, di mesi tre, per un importo negoziato di 3.750 euro, comprensivo di Iva’. Incarico prorogato a cifra raddoppiata nei giorni scorsi. Chiediamo quindi all’assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa – conclude l’Assostampa trapanese - di intervenire per far ritirare in autotutela tale delibera, nelle more della rideterminazione complessiva delle attività di informazione e comunicazione che l’Amministrazione regionale sta portando avanti”.

 

Messina, dichiarazioni del candidato sindaco Cateno De Luca. Assostampa: “Solidarietà ai cronisti della Gazzetta, si rispetti il lavoro e la libertà dei giornalisti"

La segreteria regionale e la segreteria provinciale di Messina dell'Associazione Siciliana della Stampa condannano con fermezza le ennesime dichiarazioni rese dal candidato a sindaco della città dello Stretto, Cateno De Luca, nel corso di un comizio.

comunicato cdr gazzetta su Cateno De Luca"Nell'esprimere solidarietà ai colleghi della Gazzetta del Sud, il sindacato regionale e provinciale giudicano intollerabile il comportamento del candidato De Luca, che in più occasioni e manifestazioni ha rivolto accuse infondate alla testata peloritana, rea, secondo lui, di comportamenti non imparziali nel corso della campagna elettorale.
Ricordiamo a De Luca che non può essere lui a ergersi a giudice dell'imparzialità di una testata e a giudicare la professionalità dei giornalisti che invece svolgono il loro compito con puntualità e correttezza. Se De Luca ritiene può rivolgersi agli organismi di autotutela della categoria. De Luca non è nuovo a chiassate e comportamenti al limite della correttezza, ma non è certamente così facendo che può incrinare la credibilità di seri professionisti che ogni giorno nelle varie testate cittadine cercano di raccontare al meglio una realtà difficile come Messina. Ci auguriamo che nel prosieguo della campagna elettorale ed in futuro l'onorevole De Luca possa assumere comportamenti più continenti e rispettosi del lavoro dei giornalisti".

Assostampa, il candidato a sindaco di Catania Riccardo Pellegrino firma il protocollo di legalità e trasparenza con il sindacato dei giornalisti

CataniaE' Riccardo Pellegrino, candidato a sindaco di Catania, il primo a firmare il protocollo d'intesa sulle legalità e trasparenza proposto da Assostampa Catania, il sindacato unitario dei giornalisti siciliani, in vista delle prossime elezioni amministrative del 10 giugno.

Non solo legalità, trasparenza, ma anche pari opportunità, rispetto del diritto dei cittadini di essere informati e del dovere della Pubblica amministrazione di informare, corretta informazione istituzionale. Sono questi i punti fermi del Protocollo d’intesa che la segreteria di Assostampa Catania, il sindacato unitario dei giornalisti siciliani, sottopone ai candidati a sindaco del capoluogo etneo e degli altri Comuni.

Assostampa Catania chiede il rispetto delle procedure amministrative con l’obiettivo dell’applicazione corretta delle leggi in materia e nell’ambito dell’autonomia decisionale del vertice dell’Amministrazione, per la nomina del “portavoce” e per eventuali concorsi per “addetto stampa”, in modo da evitare “bandi preconfezionati” che potrebbero finire al vaglio della magistratura, ordinaria e contabile.

Il protocollo d'intesa è pubblicato sulla pagina facebook di Assostampa Catania, può essere copiato, sottoscritto e inviato all'email del segretario provinciale Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Assostampa sull’informazione pubblica in provincia di Trapani

Trapani SicilyLa divulgazione da parte di un ente pubblico, di comunicati stampa anonimi, ovvero privi della firma del loro redattore, mancando inoltre sul sito istituzionale l’indicazione del giornalista responsabile dell’ufficio stampa, è una violazione dell’articolo 9 della legge 150 del 2000 sulle attività di informazione e comunicazione nella Pubblica amministrazione. Un fatto che potrebbe configurare anche il reato di esercizio abusivo della professione (art. 348 codice pen.) qualora l’estensore non sia iscritto all’Ordine.
Questo emerge infatti dalla lettura del comunicato inviato dal Libero consorzio comunale di Trapani dal titolo “Presentazione della strategia del Libero consorzio comunale di Trapani 2020”, evento avvenuto lo scorso 1 giugno, e siglato genericamente “L’Ufficio stampa”.
Si richiama inoltre l’indicazione del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia che già nel 2012 ha deliberato "di procedere per vie legali nei confronti di tutti coloro i quali inviano comunicati senza averne titolo, denunciandoli all'autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione giornalistica". 
Questa segreteria è certa che il Commissario Straordinario del Libero consorzio, dr. Raimondo Cerami, magistrato di grande prestigio ed esperienza, saprà porvi rimedio, ripristinando le corrette modalità di informazione e trasparenza dell’ente.
Ma la situazione complessiva dell’informazione pubblica in provincia di Trapani è una babele senza regole. Solo i comuni di Marsala e di Mazara del Vallo hanno regolari uffici stampa, con giornalisti assunti secondo contratto e che versano i contributi previdenziali all’Inpgi. Il resto, nel migliore dei casi, si affida a consulenze, come portavoce, decise fiduciariamente dall’organo di vertice dell’amministrazione. E la situazione non è migliore nelle società e negli enti a partecipazione pubblica. 
Riteniamo quindi fondamentale una piena trasparenza su tali atti, che permetta di sapere come siano stati reclutati, quale tipo di contratto e di retribuzione è prevista per il loro lavoro, a quali codici deontologici rispondono e se effettuano contemporaneamente altre attività professionali nei settori dell’informazione privata.
Infine cogliamo l’occasione del rinnovo di diverse amministrazioni comunali il prossimo 10 giugno, affinché i candidati a sindaco pongano la loro attenzione sullo stato dell’informazione pubblica nel proprio ente. Questa segreteria è disponibile a individuare insieme forme e modi per regolarizzare, se possibile, le diverse posizioni, nelle more dell’indizione del concorso pubblico, strada maestra per l’istituzione di questa figura professionale. 
La Segreteria provinciale
Assostampa Trapani

Trapani, eletta la nuova segreteria provinciale dell’Assostampa

Segreteria Assostampa Trapani 2018Nel corso dell’assemblea degli iscritti della sezione di Trapani del sindacato dei giornalisti, presieduta dal segretario regionale Roberto Ginex, è stata eletta domenica 3 giugno la nuova segreteria provinciale, per il quadriennio 2018-2022.
Il nuovo segretario è Vito Orlando, già consigliere regionale dell’Assostampa. Ad affiancarlo Gianfranco Criscenti, come vice segretario, e Ornella Fulco, tesoriera. La nuova segreteria è stata eletta all’unanimità, con l’eccezione di una astensione.
Criscenti, essendo componente del collegio regionale dei probiviri, ha annunciato al segretario regionale le dimissioni dal precedente incarico.

“Opereremo perché in questo territorio – dice Orlando - la nostra categoria possa svolgere questa professione senza condizionamenti di ogni tipo, e ispirata solo dalle carte deontologiche. Apriremo una campagna straordinaria di iscrizioni, perché solo un sindacato numeroso e realmente unito, è veramente autorevole. Punteremo anche sulla formazione, per dare ai colleghi, in particolare ai più giovani, gli strumenti professionali e normativi per operare al meglio e per metterli a conoscenza di tutti i doveri del giornalista, la cui inosservanza è fonte di responsabilità disciplinare dell’iscritto davanti all’Ordine. Compiremo anche una ricognizione nel variegato campo dell’informazione, anche on line, in questa provincia, denunciando ogni forma di esercizio abusivo della professione. Ribadisco che questa Associazione sarà concretamente a fianco dei colleghi iscritti, anche qualora dovessero tutelare, in tutte le sedi, il loro operato e la loro professionalità. Voglio esprimere infine – conclude - un convinto ringraziamento per il segretario uscente Giovanni Ingoglia che, in un momento delicato, ha retto con saggezza l’associazione”.

Asp esclude giornalisti da bando per attività d'informazione. Assostampa dice no

L’Asp Catania esclude i giornalisti. Assostampa chiede di sospendere la selezione che potrebbe configurare l’esercizio abusivo della professione

ASSOSTAMPA CATANIA 3x4Assostampa Catania, il sindacato unitario dei giornalisti siciliani, ha chiesto all’Asp di Catania la sospensione della procedura selettiva finalizzata all’assegnazione d’incarichi libero professionali per diversi profili da utilizzare per la pianificazione e organizzazione di campagna informative, come da Avviso pubblico del 5.4.2018, prot.n. 1370.
“Le attività che l’Asp ha deciso di affidare all’esterno sono speculari a quelle assegnate agli uffici stampa dalla legge n. 150/2000, recante “Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”, a cui sono attribuite le funzioni di selezionare, filtrare e veicolare il flusso delle informazioni provenienti dall’interno dell’ente/organizzazione verso gli organi di informazione. Nello svolgimento dei detti compiti, i principali interlocutori dell’ufficio stampa sono i mass-media di ogni genere, quali i quotidiani, la radio, la tv, riviste, ecc. in grado di raggiungere precisi target di utenza o il pubblico in generale”, spiega in una nota il sindacato dei giornalisti.
“L’attività d’informazione da affidare ai soggetti che saranno scelti all’esito della procedura di selezione di che trattasi – è bene ricordarlo, sottolinea Assostampa Catania – può e deve essere svolta solo da chi è iscritto all’Albo dei giornalisti, pena il configurarsi dell’ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione”.

Uspi-Fnsi, firmato il nuovo contratto nazionale di lavoro tra editori dei periodici e giornalisti

Contratto Uspi-FnsiFederazione nazionale della Stampa italiana e Unione stampa periodica italiana (Uspi) hanno siglato il 24 maggio a Roma, nella sede della Fnsi, il contratto nazionale che regolerà per il prossimo biennio i rapporti di lavoro dei giornalisti impiegati nelle testate periodiche di informazione a diffusione locale, anche online.
Il contratto regola i rapporti di lavoro giornalistico svolti “nelle testate periodiche di informazione a diffusione locale, nonché nelle testate a diffusione nazionale no profit, pubblicate anche online, quanto non siano collegate con aziende editrici di quotidiani o con gruppi editoriali che rientrano nel campo di applicazione del contratto Fieg-Fnsi”.
L’applicazione sarà possibile anche nelle aziende esclusivamente digitali che pubblichino notizie a prevalente interesse locale, con esclusione degli “over the top” e a patto che non siano controllate o collegate con aziende editrici o gruppi editoriali nazionali e agenzie di stampa, che rientrano nel campo di applicazione del contratto Fieg-Fnsi.
Il nuovo contratto, che recepisce le indicazioni e i suggerimenti maturati nel corso di un articolato e partecipato dibattito che ha impegnato segreteria, giunta esecutiva e associazioni regionali di Stampa, introduce regole, diritti e tutele per colleghi che fino ad oggi non hanno potuto godere di alcuna forma di garanzia.
Tra le novità, il riconoscimento come lavoro giornalistico di una serie di figure professionali che si sono sviluppate nelle piattaforme digitali e multimediali.

Il testo del contratto firmato il 24 maggio 2018

 

Assostampa Sicilia, eletti i vertici del Consiglio regionale e la Giunta esecutiva

Elezioni Presidente e Giunta esecutiva, 21 maggio 2018

Il Consiglio regionale dell’Associazione Siciliana della Stampa, nella sua seduta di insediamento presieduta dal Segretario regionale Roberto Ginex, ha eletto i vertici del Consiglio regionale e la nuova Giunta esecutiva. Il neo Presidente del Consiglio regionale è Alberto Cicero, capo servizio de La Sicilia, Segretario regionale uscente. I vice sono Carmela Minardo e Giovanni Ingoglia. La Giunta esecutiva è invece composta da Massimo Bellomo Ugdulena, Giancarlo Macaluso, Roberto Leone, Sergio Magazzù, Nino Amante, Francesco Di Parenti (professionali), Giuseppe Petralia, Cristina Puglisi, Daniela Citino (collaboratori). Il Consiglio ha inoltre eletto, nell'ambito della Giunta, il Tesoriere. Riconfermato nella carica Massimo Bellomo Ugdulena.

La nuova composizione degli organismi di Assostampa Sicilia

Opportunità anche per i giornalisti nei bandi regionali per tirocini e occupazione. Occorre essere iscritti presso i Centri per l’impiego

Tirocini e nuova occupazione, i recenti bandi dell’assessorato regionale Lavoro sono una importante opportunità anche per i giornalisti. I disoccupati beneficiari delle misure debbono assolutamente risultare iscritti in uno dei Centri per l’Impiego della Regione.

ASSOSTAMPA fnsiQuesta mattina una delegazione dell’Associazione siciliana della Stampa, il sindacato dei giornalisti, ha incontrato la dirigente generale del dipartimento al Lavoro della Regione Siciliana, Francesca Garoffolo.
Il segretario regionale Assostampa, Roberto Ginex, Dario Fidora, responsabile per il lavoro autonomo, e Salvatore Ferro, componente della segreteria provinciale del sindacato e del consiglio dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, hanno voluto rivolgere alcuni quesiti sulle modalità di accesso ai benefici previsti dai bandi, in considerazione della particolare disciplina del praticantato giornalistico e dell’iscrizione all’elenco dei pubblicisti. Il giornalista praticante, che è assunto, non può infatti percepire l’indennità prevista dall’Avviso 20 per il finanziamento di tirocini obbligatori e non obbligatori delle professioni ordinistiche. È invece possibile effettuare un tirocinio coerente con l’obiettivo del titolo di giornalista pubblicista, che non prevede un registro obbligatorio presso l’Ordine. Il beneficiario, che non deve avere in corso un contratto di lavoro subordinato o parasubordinato o autonomo con il soggetto ospitante, potrà percepire direttamente dalla Regione un indennità di 600 euro per 12 mesi.

Chi guarda alla professione giornalistica potrà anche chiedere, valendosi invece dell’Avviso 22, di svolgere dei tirocini extracurriculari che prevedono un’indennità di 500 euro per sei mesi, per acquisire competenze utili nel campo, per esempio, della comunicazione digitale e dei social network.

Più complessa le modalità previste dall’Avviso 21 per l’occupazione di disoccupati di lunga durata e disabili. I destinatari debbono essere residenti in Sicilia da almeno sei mesi, con un’età compresa tra i 18 e 65 anni compiuti, in cerca di lavoro da più di 12 mesi (da più di sei mesi se giovani da 18 e 24 anni).
Il bonus viene erogato alle aziende per un periodo di 24 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di 14.000 euro nei due anni: 6.000 euro nei primi dodici mesi, 8.000 tra il 13esimo e il 24esimo mese. Il finanziamento in ogni modo non può superare il 50% (75% per i disabili) del costo salariale sostenuto dal datore di lavoro.

“Il sindacato dei giornalisti intende stabilire con l’assessorato regionale al Lavoro”, ha affermato il segretario Assostampa Sicilia, Roberto Ginex, “un proficuo e intenso rapporto istituzionale, per potere consentire ai tanti colleghi e aspiranti giornalisti che si trovano immersi in un regime di precarietà ancor prima di conseguire il titolo professionale, di fruire nella misura più ampia dei benefici che l’amministrazione regionale ha inteso e intenderà attivare nel prossimo futuro. Ringraziamo la dirigente generale del dipartimento al Lavoro della Regione Siciliana, Francesca Garoffolo, per la cordiale disponibilità dimostrata in questa occasione e per i preziosi chiarimenti sulle procedure da utilizzare. Ai colleghi disoccupati ricordo la necessità di iscriversi ai Centri per l’impiego per utilizzare le misure a disposizione”.
La “Dichiarazione di disponibilità al lavoro” si può effettuare per via telematica sul sito, prenotando così l’incontro al Centro per l’impiego per la firma dell’interessato a conclusione del procedimento amministrativo di iscrizione.

 

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la politica sui Cookies