testata-sito
 

Mattia Motta, segretario generale aggiunto Fnsi: «Tutti i giornalisti non dipendenti devono uscire dall'invisibilità. Valiamo più di 7 euro»

 sciopero collaboratori il messaggero

Il sostegno del sindacato dei giornalisti ai collaboratori della redazione del Messaggero. Lorusso: «Lo sciopero atto di denuncia forte e perentorio»

«È auspicabile che questa vertenza, che la Fnsi continuerà a sostenere e per la quale torna a chiedere all'editore di avviare un confronto nel merito senza pregiudiziali e inutili esibizioni muscolari, possa segnare l'inizio di una più ampia mobilitazione», ammonisce il segretario generale Fnsi.

Mattia Motta«Immaginate un'azienda in cui il datore di lavoro decide di fare il "padrone" e taglia gli stipendi del 30%, non accetta il benché minimo dialogo e impone di decidere entro un mese: "prendere o lasciare, quella è la porta". Aggiungete che a questi lavoratori - colleghi che fanno lo stesso mestiere, quotidianamente, da anni - non viene riconosciuto né il contratto di lavoro corretto né la dignità della piena rappresentanza sindacale. Quella che stiamo vivendo è una pagina veramente triste dell'editoria italiana e non riguarda solo giornalisti ed editori: lo sciopero dei collaboratori del Messaggero parla a tutti: alle istituzioni, per dire che i co.co.co. sono una forma di sfruttamento legalizzato e vanno abrogati e che l'equo compenso non è più rinviabile; ai cittadini si rivolge per far capire che il lavoro di cronisti e corrispondenti che informano milioni di persone vale molto di più di sette euro a notizia». Così Mattia Motta (nella foto), segretario generale aggiunto Fnsi e presidente Clan-Commissione lavoro autonomo nazionale, commenta lo sciopero indetto dall'Assemblea dei collaboratori della testata di via del Tritone e dalla Federazione nazionale della Stampa italiana.
«Danno "voce" a milioni di cittadini e oggi, per farsi sentire, devono chiudere i taccuini. Stiamo parlando di giornalisti che, di fatto, fanno i corrispondenti, i cronisti e sono riferimenti per i propri territori: lo sciopero è loro diritto ed è l'unica arma per mandare un segnale all'arroganza dell'editore che non apre alcuna trattativa. Giornalisti senza tutele, sottopagati, e sottoposti a un ultimatum irricevibile. Rinnovo l'invito all'editore ad aprire un tavolo con il sindacato e congelare i tagli previsti per il 14 luglio. Oggi i collaboratori del Messaggero sono usciti dalla condizione di invisibilità comune a tutti giornalisti precari in Italia: tutti i giornalisti non dipendenti devono uscire dall'invisibilità, facciamoci sentire: valiamo più di 7 euro ad articolo».

«Lo sciopero dei collaboratori del Messaggero ha fatto cadere il velo di ipocrisia che, fino ad oggi, ha permesso agli editori e agli stessi organi di informazione, fatte salve poche eccezioni, di ignorare le gravi condizioni di precarietà lavorativa in cui versano numerosi giornalisti. Il rifiuto opposto dai collaboratori ad un nuovo taglio dei già esigui compensi, che l'editore sta cercando di imporre con la formula "prendere o lasciare", è un atto di denuncia forte e perentorio, che ci auguriamo possa essere ascoltato soprattutto dal governo». Così il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, sulla mobilitazione dei giornalisti non dipendenti del Messaggero.
«Pensare di affrontare le numerose criticità strutturali del settore dell’informazione, aggravate dall'emergenza sanitaria, soltanto con il taglio continuo a sistematico del costo e dei posti di lavoro, come purtroppo avviene da più di un decennio, dimostra l'incapacità di elaborare una visione e una strategia di sistema che, partendo da riforme necessarie e ineludibili, avvii il rilancio di un settore vitale per la vita pubblica e la tenuta delle istituzioni democratiche», aggiunge Lorusso.
«È pertanto auspicabile – incalza il segretario generale – che questa vertenza, che la Fnsi continuerà a sostenere e per la quale torna a chiedere all'editore di avviare un confronto nel merito senza pregiudiziali e inutili esibizioni muscolari, possa segnare l'inizio di una più ampia mobilitazione.
L'informazione e la tutela della dignità della persona e del lavoro devono tornare al centro del confronto con il governo e con gli editori. La crescita delle diseguaglianze, che mette sempre più a rischio la tenuta sociale del Paese, interessa da tempo anche il mondo dell'informazione: ne prendano atto anche i cosiddetti giornalisti garantiti, per alcuni dei quali la precarietà da sbattere in prima pagina è sempre e soltanto quella di altre categorie di lavoratori».