testata-sito
 

Assolti i giornalisti Criscenti e Pipitone. Scrissero la verità

tribunale sentenze

Il 9 luglio del 2010 attraverso le pagine del quindicinale “L’isola”, della provincia di Trapani, avevano alzato un polverone con un articolo titolato “Regina e i voti di Giuseppe Gricoli”, a firma di Giuseppe Pipitone, (Giuseppe Criscenti in qualità di direttore responsabile del giornale).

L’ex deputato regionale Francesco Regina, aveva denunciato i giornalisti ritenendo lesa la sua onorabilità e chiedendo un risarcimento per diffamazione di 50mila euro in sede civile.
Nell’articolo si riportava che Francesco Regina, nel corso della sua campagna elettorale aveva incontrato e chiesto voti a Giuseppe Gricoli, il “re dei supermercati” considerato vicino al boss latitante Matteo Messina Denaro.

L’ex onorevole si difese, ammettendo di avere incontrato Giuseppe Gricoli, ma di non conoscerne i trascorsi criminali, nè che fosse indagato.

Durante la sentenza di primo grado Pipitone e Criscenti furono condannati al pagamento di 30 mila euro in favore di Regina.

Oggi, dopo 10 anni, arriva l’assoluzione per i cronisti Pipitone e Criscenti dove il giudice della Prima sezione Civile della Corte D’Appello di Palermo, chiarisce che «l’articolo non riporta una notizia falsa, né risulta lesivo dell’onorabilità del Regina, poiché esprime una chiara e circostanziata critica nei confronti dell’operato di un soggetto investito di responsabilità politiche, circa le modalità con le quali opera nella ricerca di consenso elettorale».