testata-sito
 

Rai, i giornalisti idonei del concorso 2015, lo ha stabilito il il Tar

RAI nuovo logo cp

“I giornalisti riconosciuti idonei dalla Rai nel concorso 2015 hanno il diritto di accedere agli atti della selezione e di conoscere l’elenco di tutti i colleghi assunti dall’azienda a partire dal 2013.”

il Tar del Lazio infatti,  ha smontato l’azione di totale chiusura della Rai, con due sentenze pubblicate il 15 luglio, che condannano l’azienda del servizio pubblico radiotelevisivo a dare accesso agli atti richiesti dagli idonei 2015 e al pagamento delle spese legali.

Ma il Tribunale amministrativo del Lazio, accogliendo le istanze e gli argomenti a sostegno, ha smontato questa interpretazione, afferma ancora il comitato, «in quanto le previsioni del bando della selezione che limitavano a tre anni dalla sua pubblicazione la validità della graduatoria sono state soppiantate dalla previsione specifica di cui all’art. 1 comma 1096 della Legge di bilancio 2018’. Un richiamo davvero essenziale».

I giudici amministrativi hanno sottolineato che la Legge di bilancio 2018, liberando la Rai dai rigori della spending review, «ha l’effetto di conformare l’azione della concessionaria del pubblico servizio in sede di assunzione di giornalisti professionisti, in quanto impone di attingere "in primis al personale idoneo inserito nelle graduatorie 2013 e 2015 di giornalisti professionisti riconosciuti idonei" in un’ottica virtuosa di risparmio a medio-lungo termine».

Il Comitato per l’informazione pubblica, fondato da cento giornalisti risultati idonei nel concorso 2015 assistiti dall’avvocato Vincenzo Iacovino, ha espresso piena soddisfazione per il risultato raggiunto.