Skip to main content
- ore

| Notizie

Siglato l'accordo contrattuale tra la Fieg e la Fnsi. Siddi: introduce elementi di innovazione in tempo di crisi


Lotti: un accordo importante per il sostegno a nuova occupazione.

“Si è concluso l'ultimo atto del rinnovo del contratto di lavoro Fieg-Fnsi con la firma del protocollo sul Fondo straordinario per l'editoria che rende nei fatti operativo ciò che è stato sottoscritto, per il lavoro e per lo sviluppo del settore, nel recente rinnovo contrattuale. E' stato siglato a Palazzo Chigi, tra la Presidenza del Consiglio, rappresentata dal sottosegretario Luca Lotti, e le delegazioni degli editori, rappresentati dal presidente Giulio Anselmi, del Sindacato dei giornalisti, rappresentato dal segretario generale Franco Siddi e dell'Inpgi, rappresentato dal suo presidente Andrea Camporese. ‘Un forte aiuto alle imprese in un momento di difficile crisi - ha detto Lotti - ma anche un contributo a nuova occupazione di giovani. Fino ad oggi il Fondo era forse troppo sbilanciato verso il settore editoriale, abbiamo voluto invece puntare sulla occupazione e siamo riusciti a cambiare rotta con il contributo di tutti’.


 

Via libera al contratto giornalistico. Siglata l'intesa fra Fnsi e Fieg

24 giugno 2014 - Giornalisti: Fnsi, siglata l’ipotesi di contratto 2013-2016. Domani appuntamento con il Governo per protocollo su fondi straordinari editoria e lavoro settore.
“Siglato oggi l’ultimo documento di convalida e rinnovo del contratto di lavoro dei giornalisti tra Fieg e Fnsi. con validità 1 aprile 2013 - 31 marzo 2016. Si tratta di un atto che spinge sull’innovazione, vuole stimolare la ripresa, riconosce figure come quelle del lavoro autonomo finora escluse dalla negoziazione. L’intesa è un punto fermo essenziale che concorre a mettere in sicurezza la validità del contratto collettivo di lavoro della categoria e l’istituto di previdenza e protezione sociale, sotto stress a causa della grave crisi che da anni colpisce il settore dell’editoria. L’accordo potrà avere piena efficacia subito dopo l’approvazione del decreto di attribuzione dei fondi straordinari per l’editoria, per il quale domani sarà siglato dalle parti, con il Sottosegretario Luca Lotti, uno specifico protocollo d’intesa.
Il primo tassello era stato messo una settimana fa con la sigla di un documento sul lavoro autonomo che introduce regole chiare per il lavoro dei collaboratori esterni, anche con minimi di pagamento e coperture sociali come l’assicurazione infortuni e la possibilità di accesso alla previdenza integrativa, il diritto alla firma, i tempi di pagamento. Sarà più chiaro distinguere tra veri collaboratori e contratti fasulli che nascondono, invece, prestazioni in regime di subordinazione.
Un passo avanti notevole rispetto all’esistente sul quale ancorare diritti, istanze e nuove misure di protezione sociale.
Gli interventi sul mercato del lavoro puntano a stimolare la ripresa dell’occupazione e l’ingresso di nuove professionalità di giovani, attraverso la nuova tipologia dell’apprendistato professionalizzante, che comprende il praticantato e un ulteriore periodo di professione e formazione regolarmente retribuito. Arriveranno altre misure incentivanti, soprattutto con gli sgravi contributivi, in arrivo con i provvedimenti del Governo, per l’assunzione di inoccupati e la trasformazione di cococo in contratti di lavoro dipendente.
Una misura straordinaria viene introdotta per supportare il finanziamento degli ammortizzatori sociali con una nuova aliquota contributiva a carico degli editori, nell’obiettivo di stabilizzare conti di previdenza e protezione sociale dell’Inpgi anche con l’ulteriore, parziale, intervento pubblico.
Viene infine riformato l’istituto ormai non più in grado di assicurare equilibrio e certezze della cosiddetta ex-fissa. Sul piano retributivo il contratto paga lo scotto dei costi sociali assicurati dall’intesa per l’istituto previdenziale e al tutela assumendo un carattere di transizione, con 120,00 Euro pagabili in due anni sotto forma di elemento distinto della retribuzione. In questo ambito è stato anche stabilito che entro i prossimi 10 mesi le parti valuteranno, sentita la Casagit la possibilità di definire uno specifico profilo assicurativo integrativo sanitario per i collaboratori.
Sul piano generale il dato più rilevante sta nella conferma della piena validità di tutti gli istituti contrattuali e della funzione della contrattazione collettiva, che era stata decisamente messa in discussione, e nella forza delle previsioni normative tese a spingere decisamente sull’accelerazione della ripresa del mercato del lavoro e della riqualificazione del settore.
Dopo l’appuntamento di domani, in sede governativa, la Fnsi proseguirà nel processo di valutazione delle intese con tutti gli organismi della categoria”.

Equo compenso: la Commissione ha deliberato prosegue il confronto sugli istituti contrattuali

 


 

sportello legale ossigeno

eBook Senza Spazio

sportello legale ossigeno
sportello legale ossigeno
RSF 4x3
quote e modulistica d'iscrizione e rinnovo Assostampa Sicilia