Skip to main content
- ore

| Notizie

Editoria, Barachini: «Con il Fondo straordinario risorse ingenti per sostenere il settore»


Intervista del sottosegretario al Sole24Ore sulle nuove misure in arrivo. «Integrazione, innovazione e occupazione» i tre concetti chiave alla base del lavoro fatto. A breve la firma.

barachini sotts editoria 2023

«Le risorse sono ingenti. Non so se sufficienti per rispondere a tutte le esigenze del settore editoriale in un momento come questo. Ma abbiamo voluto fare uno sforzo, importante, per dare sostegno alle realtà che dovranno essere in grado di poter stare sul mercato dopo aver ricevuto risorse e interventi». Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Informazione e all'Editoria, Alberto Barachini, intervistato dal Sole 24 Ore, martedì 4 luglio 2023, si sofferma sui contenuti nel 'Fondo Straordinario per gli interventi di sostegno all'editoria 2023', con una dotazione di 140 milioni di euro rispetto ai 90 del 2022, che entro pochi giorni sarà alla firma.

«Tutto - spiega - avviene a valle di un lavoro iniziato con l'insediamento del governo di cui faccio parte. È evidente che la prima cosa da fare è stata operare una ricognizione di misure e risorse a disposizione. La seconda indagine è stata fatta ascoltando istanze e bisogni dell'editoria tradizionale e di quella digitale. Alla base c'era e c'è la necessità di accompagnare integrazione, innovazione e occupazione. Sono i tre concetti chiave».

Nel complesso, prosegue Barachini, «ci siamo mossi con grande determinazione anche per sostenere gli editori, alle prese in quest'ultimo anno evidentemente con una tensione legata all'aumento dei costi, fra materie prime ed energia. Nella ripartizione del Fondo straordinario abbiamo innalzato il contributo per le copie cartacee, che rappresentano il cuore dei costi, ma anche del business per gli editori. Abbiamo più che raddoppiato la dote, da 28 a 60 milioni di euro, facendo salire il contributo per copia diffusa a 10 centesimi». 

E ancora: «Abbiamo rafforzato la cifra a disposizione per le nuove assunzioni strutturandola diversamente. Abbiamo previsto un contributo di 10mila euro per le assunzioni under 36 e di 14mila euro per la trasformazione dei contratti a tempo determinato e co.co.co in tempo indeterminato. In totale una dote di 15 milioni di euro. Infine c'è tutto il sostegno agli investimenti in tecnologie e infrastrutture tecnologiche. Qui il contributo complessivo, che va a coprire fino al 70% delle spese sostenute, l'abbiamo alzato da 35 a 55 milioni. Destinati ad agenzie, quotidiani, emittenti nazionali e locali e radio».

E sul fronte delle agenzie di stampa? «Abbiamo voluto modificare proprio la filosofia di fondo dell'intervento pubblico. Per i sostegni si seguivano criteri del 2017. Poi sempre prorogati. Da tempo si parla della necessità di rivedere questa impostazione. Un comitato presieduto da Sabino Cassese ci ha aiutato in questo lavoro per andare verso un vero sostegno all'informazione primaria. Abbiamo, quindi, previsto un elenco di rilevanza nazionale: si devono avere almeno 50 giornalisti articolo 1 a tempo indeterminato. E abbiamo individuato anche parametri incentivanti: assunzione di giornalisti fino a 35 anni di età, investimenti in tecnologie, collaborazioni con agenzie estere». 

In questo quadro, conclude il sottosegretario, «abbiamo pensato di valorizzare ogni giornalista in più rispetto alla soglia dei 50. E c'è una altra novità: fra i criteri di base ci sarà anche l'istituzione di un Garante sulle fake news. Le risorse complessive sono di 46 milioni annui e naturalmente ci sarà spazio per le agenzie specialistiche che potranno partecipare a specifiche procedure di gara».

@fnsisocial

sportello legale ossigeno

eBook Senza Spazio

sportello legale ossigeno
sportello legale ossigeno
RSF 4x3
quote e modulistica d'iscrizione e rinnovo Assostampa Sicilia