Lunedi, 20 settembre 2021 ore 16:04
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Comune Cefalù, Assostampa: “Bando per ufficio stampa non rispetta norme, chiediamo intervento urgente assessore alle Autonomie locali Zambuto”

Marco Zambuto

Ginex e Di Parenti. “Addetto stampa non si sceglie intuitu personae ma per concorso pubblico”.

“Leggendo l’avviso per la selezione pubblica di un addetto stampa per il comune di Cefalù, abbiamo pensato che il sindaco Rosario Lapunzina, quasi giunto al suo decimo anno di mandato, avesse emanato un bando per dotare finalmente il suo ente di un ufficio stampa. E invece no. Si tratta solo di una selezione, a comparazione di curricula, da scegliere intuitu personae, una modalità prevista dalla legge per il portavoce del sindaco e non per l’addetto stampa del comune, che va assunto tramite concorso pubblico”.
Lo dicono il segretario dell’Associazione Siciliana della Stampa Roberto Ginex e il presidente del Gruppo Uffici Stampa Sicilia Francesco Di Parenti, anche componente della giunta esecutiva del sindacato dei giornalisti siciliani.

Secondo il vertice regionale del sindacato unitario dei giornalisti italiani poi, nell’avviso “che non fa riferimento alcuno alla legge 150/2000, recepita in Sicilia con l’art.127 della L.r. n.2/2002, vengono richieste tra le attività e funzioni oggetto dell’incarico, quelle proprie dell’addetto stampa e non del portavoce. Allora, se le risorse ci sono, in pianta organica l’ufficio stampa c'è e soddisfa i requisiti del fabbisogno del personale, il sindaco ritiri questo avviso in autotutela ed emani un bando pubblico a tempo indeterminato”.

“Questo è solo l’ultimo caso, dopo quelli già segnalati neI comuni di Marsala e di Favignana. All’assessore regionale alle Autonomie locali Marco Zambuto – concludono Ginex e Di Parenti - chiediamo un intervento urgente sul bando del sindaco di Cefalù e di fissare un incontro a settembre con Assostampa Siciliana per mettere ordine definitivamente sulla questione uffici stampa degli enti locali in Sicilia”.


(Nella foto, l'assessore regionale alle Autonomie locali Marco Zambuto)