Sabato, 16 ottobre 2021 ore 08:07
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Polemiche ufficio stampa Asp di Siracusa, solidarietà Assostampa e GUS

In queste giornate di forte stress emotivo per tutti, l'ultima cosa di cui si sente bisogno sono i censori che si ergono a giudici del lavoro dei giornalisti senza averne titoli e competenze.

ASSOSTAMPA SIRACUSAMen che meno, poi, quando i giudizi sono sommari e rischiano di azionare quella macchina del fango i cui effetti vengono moltiplicati dai social contro i cronisti.
Sono metodi che non ci sono mai piaciuti e che la nostra categoria ha sempre respinto perché ledono la dignità delle persone al solo scopo di colpirle.

Qualcosa di simile è stato messo in atto in questi giorni nei confronti dell'addetto stampa dell'Azienda sanitaria provinciale di Siracusa, Agata Di Giorgio, che qualcuno ha provato a tirare dentro la polemica sull'ospedale Umberto I. È la solita storia di fare di ogni erba un fascio e di infilarci anche i giornalisti il cui lavoro, nel caso degli uffici stampa, è di trasferire all'opinione pubblica le decisioni prese da chi governa le istituzioni.
Attaccare gli addetti stampa porta solo a non distinguere dove risiedono le responsabilità e ha l'effetto distorcente di spostare altrove l'attenzione delle persone. Nel caso specifico, poi, siamo davanti a una collega che non può essere tacciata di partigianeria perché ricopre quel ruolo da quasi vent'anni, che ha praticamente creato l'ufficio stampa in un ente in cui non esisteva, e che è stata sempre confermata nell'incarico da tutti i direttori generali che si sono succeduti nel tempo.

GUSSugli uffici stampa pubblici, l'Assostampa siciliana è in prima linea dal lontano 1996. I giornalisti sono i primi a sapere quanto delicato sia il ruolo della comunicazione, che deve essere sempre incentrata sulla trasparenza, ancor di più in situazioni complesse e rischiose per la collettività come quelle attuali. Noi ne siamo consapevoli e siamo i soli ad avere le competenze per gestire meglio di chiunque altro il flusso delle informazioni da dare all'opinione pubblica. È ora, però, che anche chi governa le istituzioni e gli enti pubblici lo comprenda per il rispetto che deve sempre alla gente.

 

Francesco Di Parenti
Presidente GUS Sicilia                                               

Prospero Dente
Segretario prov.le Assostampa