Martedi, 9 agosto 2022 ore 03:08
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Ufficio stampa Regione. Il giudice dà ragione ad una dei licenziati

Il giudice del Lavoro di Palermo ha dichiarato "inefficace" il licenziamento subìto da una dei 21 giornalisti
cacciati da Crocetta senza alcuna contrattazione e soprattutto senza alcun rispetto delle norme vigenti.
“E’ un punto fermo fondamentale – dichiarano Ordine dei giornalisti e Associazione siciliana della Stampa
– nella lunga vertenza giudiziaria nata dalla soppressione dell’ufficio stampa della Regione Siciliana”. La
Regione è stata pure condannata “al pagamento in solido dell’indennità risarcitoria omnicomprensiva
determinata in dieci mensilità dell’ultima retribuzione globale, e a corrispondere l’indennità sostitutiva
del preavviso” oltre a buona parte delle spese processuali. Con questa sentenza, che potrebbe essere
immediatamente seguita da un’altra dello stesso tenore per un altro dei 21 giornalisti, e che fa seguito al
recente pronunciamento della Corte Costituzionale, finalmente si fa luce su una vicenda che ha dimostrato
certamente una cosa: quanto approssimativa sia la conoscenza delle leggi da parte del governatore e
quanto grande sia stata la sua arroganza e la sua avventatezza nel voler prendere una decisione che
adesso costerà alle casse della Regione diverse centinaia di migliaia di euro. A questo punto, concludono
Ordine e Assostampa, sarà difficile per Crocetta dire di avere avuto ragione dai giudici e, in attesa dei
pronunciamenti dei magistrati del lavoro sui ricorsi degli altri colleghi, sarebbe assolutamente opportuno
e indifferibile che la Corte dei Conti intervenisse per accertare a chi vada attribuita la responsabilità di
questo rilevante esborso di denaro per le casse pubbliche ed, eventualmente, a chi toccherà il doveroso
risarcimento. Va qui ricordato, infine, che la magistratura penale sta vagliando la posizione del governatore
Crocetta in merito alla accusa di esercizio abusivo della professione giornalistica, sollevata dall’Ordine
dei giornalisti e dall’Assostampa, in quanto Crocetta dopo l’azzeramento dell’ufficio stampa si è sempre
vantato di redigere ogni giorno personalmente i comunicati stampa sull’amministrazione, attività che in
Italia è tutelata dall’ordinamento in materia di professioni.