Domenica, 21 luglio 2019 ore 17:58
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Inpgi, Marina Macelloni nuovo Presidente, eletti Vicepresidenti Giuseppe Gulletta e Fabrizio Carotti in rappresentanza della Fieg

Marina Macelloni, consigliera eletta nella circoscrizione Lombardia, più volte componente del Cda dell'ente, caporedattore responsabile del “Sole 24 ore”, è la nuova presidente dell’Inpgi, l’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani.
Con 12 voti su 14 consiglieri presenti al momento del voto, Macelloni è stata eletta dal Consiglio di amministrazione alla sua prima riunione dopo la tornata elettorale di fine febbraio. Due le preferenze andate all’altro candidato, Carlo Chianura.
Macelloni, giornalista professionista dal giugno 1986, è la prima donna nella storia dell’Inpgi a ricoprire il ruolo di vertice dell’ente.
Nella stessa riunione sono stati eletti anche i vicepresidenti dell’istituto: Giuseppe Gulletta, vicepresidente vicario in rappresentanza dei giornalisti pensionati, ha raccolto 11 preferenze su 14 (2 voti sono andati a Paola Cascella e si è inoltre registrata una scheda bianca), mentre Fabrizio Carotti, vicepresidente eletto in quota Fieg, ha ottenuto 14 consensi. Direttore generale della Federazione italiana editori giornali, Carotti torna a coprire l'incarico già assunto nell'ultimo quadriennio.
Ad entrambe le votazioni non hanno partecipato i rappresentanti del governo che siedono in Consiglio di amministrazione: Mauro Marè, designato dal ministero del Lavoro e della previdenza sociale, e Antonio Funiciello, designato dalla presidenza del Consiglio dei ministri.
La neo presidente, ringraziando il Consiglio di amministrazione per la fiducia, ha voluto ricordare gli importanti impegni che attendono l'ente nei prossimi mesi: il completamento della riforma pensionistica, il riassetto della gestione patrimoniale e la revisione dello statuto. «Sono certa - ha commentato - che con il massimo della collaborazione da parte di tutte le componenti del Consiglio di amministrazione riusciremo a garantire all'Inpgi sostenibilità e autonomia anche in futuro».