Domenica, 17 dicembre 2017 ore 20:19
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Equo compenso, approvata la norma che riconosce per il lavoro autonomo il principio costituzionale finora applicato solo al lavoro subordinato

Armando Zambrano, presidente Rpt, e Marina Calderone, presidente CupIl Parlamento ha approvato in via definitiva la norma che stabilisce l'Equo compenso per i lavoratori autonomi di tutte le categorie professionali, anche per quelle non ordinistiche. Costituita contemporaneamente a Roma un'alleanza interprofessionale che ne vigilerà l'applicazione, durante un'assemblea di professionisti provenienti da tutta Italia. Alla manifestazione “L’equo compenso è un diritto”, che si è tenuta al Teatro Brancaccio, erano presenti per la nostra categoria il presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, e Marina Macelloni, presidente Inpgi. Hanno preso parte ai lavori anche numerosi parlamentari. L'evento è stato organizzato dalla Consulta delle professioni, presieduta da Marina Calderone, (Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro) e dalla Rete delle professioni tecniche, guidata da Armando Zambrano (Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Ingegneri).

Solo per i giornalisti però non sono state ancora emanate le tabelle ministeriali dei compensi, a differenza di quanto già avvenuto per le altre professioni ordinistiche (DM 140/2012)..

A fare da apripista alla norma era stata cinque anni fa la legge 233 del 31 dicembre 2012 sull’Equo compenso nel settore giornalistico, che introduceva anche il tema della tracciabilità del lavoro autonomo per vigilare sull’applicazione effettiva da parte degli editori. La legge 233 è attualmente ferma per mancanza delle disposizioni di attuazione, poiché la Commissione ministeriale di cui fanno parte editori, Fnsi e Cnog non si è mai più riunita dopo che la legge è stata prorogata e l’annullamento, da parte del Tar prima e del Consiglio di Stato poi, della delibera della Commissione che aveva emanato le tabelle dell’Equo compenso.

 

EQUO COMPENSO - La Camera, nonostante il parere contrario dell'Antitrust, ha approvato in via definitiva senza modifiche...

Pubblicato da Rassegna Stampa su Venerdì 1 dicembre 2017

Tags: Topnews

Condividi