Mercoledi, 23 ottobre 2019 ore 18:25
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, sulla chiusura dell’edizione del Giornale di Sicilia

Sull'annunciata chiusura dell'edizione della Sicilia orientale del Giornale di Sicilia, il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, ha rilasciato la dichiarazione che segue.

Siracusa panorama“La ricchezza di un territorio non si misura solo con il Pil o altri indicatori economici. Essa si misura anche con la capacità di produrre cultura, dibattito democratico, crescita civile.
Per tali ragioni, la paventata chiusura, nei prossimi giorni, dell'edizione della Sicilia orientale del Giornale di Sicilia è una pessima notizia ed è un impoverimento per tutti noi: perderemo la voce di giornalisti seri che hanno fatto dell'informazione sobria ed equidistante il loro tratto distintivo. Viviamo una fase in cui le grida delle opposte tifoserie coprono e spesso impediscono un libero confronto di idee, ma la sobrietà, l'equidistanza e la verifica puntuale delle notizie pubblicate sono l'essenza stessa del giornalismo.
​La pesatissima crisi dell'editoria è un problema enorme per un grande Paese perché ne va della tenuta stessa della democrazia, un problema al quale nessun governo, neppure a livello regionale, finora ha messo seriamente mano. L'illusione dell'informazione libera sulla Rete si è rivelata fallace e, fatte le dovute preziose eccezioni, ha aperto la strada al fenomeno delle fake news. A questa crisi gli editori siciliani rispondono riducendo le edizioni e tagliando i giornalisti. Una corsa del gambero che non ha prodotto, e non poteva produrre, effetti positivi e che non si è trasformata né in investimenti né in rilancio del settore.
​Per noi amministratori pubblici questa strategia è dannosa e mortifica gli sforzi compiuti tutti i giorni per il rilancio dei territori e per promuoverne sviluppo. Quanto di nuovo riusciamo a produrre e a proporre ha bisogno di visibilità e di essere raccontato da una stampa libera di svolgere il suo ruolo di pungolo e di critica.
​Il Giornale di Sicilia vanta quasi 160 anni di storia (è una delle testate più antiche d'Italia) e dopo 29 anni ha deciso di abbandonare un'area, come quella del Sudest, che si sta rivelando tra le più dinamiche dell'Isola (sempre presente nelle cronache nazionali dei giornali italiani) e che meglio di molte altre sta interpretando le opportunità offerte da un turismo declinato nella maniera più ampia possibile attraverso la cultura, l'agricoltura e l'enogastronomia di qualità, la promozione delle tipicità apprezzate in tutto il mondo. I nostri giovani ci credono, creano imprese e spingono le aziende più consolidate a trasformare le loro strategie ma tutti hanno bisogno di oltrepassare i confini regionali.
​Nell'era dell'informazione e della comunicazione globalizzate ci sono opportunità anche per le aziende editoriali; invece su tre grandi giornali siciliani – che meglio di altri dovrebbero interpretare il presente e conoscere i territori – due hanno voltato e voltano le spalle. Fatte le dovute proporzioni, attenzione maggiore talvolta mostra la stampa nazionale, ma la rinascita della Sicilia ha bisogno di impegno costante, quotidiano e di sguardo lungo. Soprattutto ha bisogno delle forze migliori che sappiano remare tutte nella stessa direzione sotto la spinta positiva dell'opinione pubblica”.

 

Tags: Siracusa